Iscriviti alla Newsletter

Respirare sott’acqua – piccoli esercizi di sopravvivenza spirituale

Lunedì 17 ottobre, alle ore 19 presso il Teatro Sala Umberto di Roma, un’attrice in scena condurrà il pubblico nel mondo dei pazienti con IPF, attraverso parole, suoni e luci. Una serata per scoprire cos’è questa patologia e come ci si può convivere.

Reverb, con la collaborazione dell’associazione culturale Effetto Larsen, l’associazione pazienti “Un respiro di speranza” Onlus di Roma e con il contributo non condizionato di Boehringer Ingelheim, ha avviato un progetto di comunicazione educazionale per sensibilizzare le persone circa l’IPF.

La serata inizia con un aperitivo di benvenuto per accogliere il pubblico e dare la possibilità di raccogliere le prime informazioni presso il banchetto informativo dell’associazione pazienti “Un respiro di speranza” Onlus di Roma. Alle ore 20 il reading teatrale “Respirare sott’acqua – esercizi di sopravvivenza spirituale” a cura dell’associazione culturale Effetto Larsen, vedrà in scena l’attrice Matilde Facheris, con un testo di Lorenzo Piccolo e la regia di Matteo Lanfranchi.

Il filo conduttore è il racconto di una persona sana che viene a contatto con la malattia dovendo svolgere un’indagine attraverso delle interviste: è un piccolo viaggio di scoperta e confronto, che la porta inevitabilmente a domandarsi qualcosa anche di sé. A questa narrazione si alternano dei racconti “in prima persona”, nati dalle testimonianze dirette dei pazienti, che danno conto delle sensazioni, delle immagini, dei momenti chiave di un percorso clinico così difficile. Al termine è previsto un momento di incontro con l’associazione pazienti.

L’evento è a ingresso gratuito con offerta libera non obbligatoria.

L’associazione pazienti “Un respiro di speranza” Onlus di Roma ha lo scopo di aiutare a sostenere i pazienti affetti da IPF e i loro familiari, stimolando le istituzioni e promuovendo la ricerca.

L’associazione culturale Effetto Larsen nasce nel 2007 a Milano per promuovere progetti di ricerca sui linguaggi performativi. In equilibrio tra teatro e performance, si muove tra palcoscenici e spazi urbani, con ampio riconoscimento nazionale e internazionale.

 

Pubblicata il 10 ottobre 2016