Iscriviti alla Newsletter

Congresso nazionale della Pneumologia italiana – iniziative di sensibilizzazione all’IPF

Continua il tour per tutta Italia del reading teatrale “Respirare sott’acqua – Esercizi di sopravvivenza spirituale“, promosso da Reverb, che intende raccontare cosa significa convivere con la fibrosi polmonare idiopatica (IPF).

La prossima tappa è Bologna, lunedì 12 giugno, con la quinta replica della rassegna dopo gli appuntamenti di Roma, Napoli, Milano e Catania. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Bologna e della FIMARP, Federazione italiana IPF e malattie rare polmonari.

Lo spettacolo viene organizzato in occasione del Congresso nazionale della pneumologia italiana – XLIV AIPO ‘Progresso e innovazione tecnologica in pneumologia’, che si tiene a Bologna dal 10 al 13 giugno e viene curato dall’associazione culturale Effetto Larsen.

Protagonista è Matilde Facheris, il testo è di Lorenzo Piccolo e la regia di Matteo Lanfranchi. L’evento è stato reso possibile grazie al contributo incondizonato di Boehringer.

“Questa iniziativa si inserisce nelle proposte rivolte alla cittadinanza che AIPO ha deciso di sviluppare nell’ambito del Congresso, come per esempio FightIPF, una rappresentazione artistica multimediale di un guerriero che combatte contro l’IPF-  promossa da Roche.

L’obiettivo di queste due importanti iniziative è sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alle malattie respiratorie e, in particolare, all’IPF, malattia rara e scarsamente conosciuta”, dichiara Venerino Poletti, presidente eletto dell’AIPO.

“Aumentare il livello di conoscenza della popolazione riguardo a questa patologia – aggiunge – significa avvicinare il paziente allo specialista che si occupa di gestire questa patologia al fine di favorire una tempestiva e corretta diagnosi. Questa proposta è un’ulteriore conferma dell’attenzione che AIPO rivolge alla salute del cittadino”.

Il reading nasce dalle testimonianze e informazioni raccolte attraverso interviste condotte a medici e pazienti. Il filo conduttore è il racconto di una persona sana che viene a contatto con la malattia dovendo svolgere un’indagine attraverso delle interviste: è un piccolo viaggio di scoperta e confronto, che la porta inevitabilmente a domandarsi qualcosa anche di sé. A questa narrazione si alternano dei racconti ‘in prima persona’. L’evento è a ingresso gratuito, sarà possibile fare una donazione libera non obbligatoria alla FIMARP.

 

Pubblicata il 12 giugno 2017